Il nome della rosa
Distrazioni più o meno mondane Opinioni Recensioni lampo Serie tv

Recensioni lampo: Il nome della rosa – la serie tv

comments 2

Il 4 marzo, su Rai 1, ha debuttato, in anteprima mondiale, , La miniserie televisiva rifacimento della celeberrima opera di e del film di Annaud del 1986.

Come molti altri, lunedì sera ero munita di divano, coperta e gatto sulle ginocchia per guardarla incuriosita e sospettosa.

E:

  1. La fotografia è spettacolare;
  2. Nonostante fossi un po’ prevenuta (Sean Connery unico vero Guglielmo da Baskerville) è una scelta azzeccata;
  3. Il nome della rosa del 1986, ovviamente, non si batte. E’ un mostro sacro, e tale rimarrà secula seculorum. Di questo sono coscienti anche i produttori della  miniserie, e non credo che avessero l’intenzione di soppiantare il film di Annaud;
  4. Nonostante quanto affermato nel precedente punto, il rifacimento del 2019 è migliore sotto alcuni punti di vista. Dal momento che è una in otto puntate, ha più tempo per concentrarsi sui dettagli della storia; perciò spiega molti più avvenimenti che nel film. E, per questo motivo, darà finalmente degna importanza al titolo della storia. Spero.
  5. Purtroppo non è stata riportata l’espressione “illecite carezze”, presente nel film del 1986. Ma confido nel futuro;
  6. E’ una miniserie del 2019, e, per questo, superiore al film del 1986 per resa visiva. Perciò, è anche più patinata;
  7. Dire che è un buon prodotto e che la Rai ha fatto un lavoro di qualità non equivale a dissacrare o abiurare il film. Occorre un po’ di onestà intellettuale. Non per forza si deve preferire la miniserie al film, ma neanche il film alla miniserie, se questa ci ha intimamente coinvolti.

E voi? Avete visto la prima puntata de Il nome della rosa anno Domini 2019? Lasciatemi le vostre impressioni nei commenti.

2 Comments

  1. Concordo in pieno su tutto!
    Io non ne capisco nulla ma la prima cosa che ho notato è stata proprio la fotografia davvero bellissima fin dai primi minuti.
    Purtroppo lo sappiamo, ormai lo sport più amato è la critica immotivata.
    Piaccia o non piaccia, questo è un ottimo prodotto, ma soprattutto è un prodotto diverso dal film, pensato è girato diversamente, come è giusto che sia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.