Nulla è peggio delle tradizioni

 Ogni anno mi riprometto di non farlo, perché non ha un senso, perché non ci trovo più niente, perché ho perso lo spirito natalizio, perché non c’è più il mio nonno… ma ogni anno, puntualmente l’otto dicembre, eccomi qui ad accartocciare carta, litigare con le lucine che mi avvolgono imprigionandomi, rimettere in piedi i pastori che cadono, arrabbiarmi perché la stella cometa mi lascia tutta la polvere d’oro sulle dita che per levarla ci vogliono dalle due alle tre settimane, collegare tutto in modo che tutto funzioni (vedi il pozzetto che pompa acqua vera, vedi le suddette lucine etc etc.)…. insomma, eccomi qui a fare il presepe. Che per me vale più dell’albero (che non ho più infatti, mi son rimaste solo le decorazioni :P). Forse perché ho un dna partenopeo, forse perché i pastori erano del nonno di cui sopra, ogni anno pur dicendo a me stessa:"No, quest’anno no… non vedo più il senso di farlo" eccomi lì inginocchiata col muschio nei capelli a costruirlo.

Così come ho messo le luci fuori al balcone, col filo che viene schiacciato dalle finestre perché non c’è un buco nel muro dove farcelo passare. 

 

…D’altronde, come diceva il mio professore di greco, "nulla è peggio delle tradizioni".

 

12 Commenti

  1. anche io gli anni scorsi ero come te:)! quest’anno invece mi è presa un gran voglia di far l’albero , di vedere tutta la casa luccicare per il Natale..che strano, quasi non mi riconosco!
    avevi poca voglia ma è venuto bene il presepe:P!

  2. che bello qualcuno che come me nn ha più lo spirito natalizio..io da piccola mi divertivo a mettere le figure nel presepe e poi qualcuno me le spostava..ora niente più presepe,mio padre mette unam area di luci fuori manco fosse la casa di Babbo Natale.. bello il tuo presepe…

  3. dai, le lucine scaldano il cuore. non perchè abbiano chissà quale valore ma…almeno per quel che riguarda mi portano indietro nel tempo. a quando c’erano più persone e meno pensieri <3

  4.  Eh Eh grazie a tutti! In realtà il Presepe una volta era mooolto più grande.. occupava due mobili, e dietro ci mettevo il cielo di stagnola con le lucine attaccate con lo scotch, così da fare le stelline. Facevo la stradina di riso e la sabbia del deserto con il semolino.. era bello sì. Ma da quando è morto mio nonno, di cui erano i pastori e che mi ha insegnato queste cose, pian piano ho perso la voglia di costruirlo. Mi ritornerà quando lo farò insieme ai miei bambini credo. 🙂
    …nonostante tutto questo cerco sempre di fare le cose al meglio, specie quando si tratta di cose che mi ricordano persone e momenti cari, quindi non potevo non fare il presepe se non al meglio delle mie possibilità..! Grazie ancora per i complimenti. 😉

  5. Sai Valentina mi stavo per commuovere quando ho letto quello che hai scritto sul commento quando parli dei bambini, come se fosse la cosa più naturale per te. Non so cosa dire perchè è un’immagine bellissima

  6. Fede

    Ha un senso, secondo me.. anche se fa male ricordare, almeno gli fai onore, no?!
    di solito a me i presepi non piacciono molto, primo perchè non festeggio molto il natale, secondo perchè i miei gusti sono difficili x3; ma questo mi piace.. è giusto, della grandezza giusta e le luci rendono il tutto molto caldo! 

  7. Heaven e Fede sì.. vedete il Natale è sempre stata la mia festa preferita, è la festa della famiglia, è la festa dei bambini, ci sono le lucine colorate, l’albero ed il Presepe da fare con la mamma chiedendo consigli e accorgendoti solo quando hai finito  di aver costruito un piccolo mondo vivente, ci sono i regali e l’emozione di scrivere la letterina a Babbo Natale tremando fino alla punta dei piedi perché hai paura che non sei stata abbastanza brava e lui non ti porti niente.. e poi la mattina dopo salti sul lettone svegliando tutti felice per quello che hai ricevuto..sono tutte cose che ora purtroppo non ci sono più, perché si cresce, perché tante persone sono scomparse, perché non si crede più a Babbo Natale e i film e i cartoni alla tv sono sempre più brutti… insomma io credo che il Natale è la festa dei bambini, dell’innocenza, della magia.. per questo mi è venuto naturale pensare a loro. E credo che lo ritroverò quando sarò con i miei figlioletti a costruire il Presepe del mio nonno, e a fare l’albero coi regali finti sotto per bellezza come quando ero piccola.
    Non dico che l’ho perso per sempre.. dico solo che l’ho messo da parte per ritirarlo fuori con i miei piccolini e il loro papà. 

  8. ed è proprio questo che mi fa commuovere. Questo tuo senso di famiglia e di maternità che è di una dolcezza infinita. Non conoscendoti non so cosa pensare ma leggendo sta cosa mi si è stretto il cuore e, non so perchè, ti ho immaginata intenta a preparare il presepe coi tuoi figli e mi è sembrato così ovvio e naturale da farmi tremare. Credo che i tuoi figli avranno una madre come poche ce ne sono in giro adesso. Non cambiare mai Valentina!

  9. Quanto sono d’accordo con te nell’affermare che ho perso lo spirito natalizio da un pezzo. Però è bello, dico davvero, leggerti e vedere le foto che hai scattato. Mi hai strappato un sorriso cucciola =)
    Ti stringo.

  10. Non c’è cosa più bella del Natale!!!…l’aria che si respira in giro,le luci,i dolci,i regali,le strade che in questo periodo hanno un non so cosa di magico!…a me piace il Natale,lo spirito Natalizio,il tornare bambini per poco tempo!!….tutto così meraviglioso!!!!

I commenti sono chiusi.