Abitanti della blogosfera Distrazioni più o meno mondane Essere me Figlie di Eva fotografia Paturnie Viaggi

Io e Luna.

comments 5

In questi giorni mi sento un po’ giù, o meglio, mi sento annoiata, svuotata, mi sembra che tutto ciò che faccio sia inutile.

La solita , i soliti amici del weekend, l’essere costretta a studiare a casa vista l’impossibilità di seguire le lezioni (e sì che ce l’avevo messa tutta per non passare tutti i giorni tra le quattro mura della mia cameretta) il fidanzato lontano con la sua vita mi avevano buttato giù. E’ vero che avevo anche da fare (leggere 4-5 libri per la tesi, scriverla, andare a salutare la zia di S. che è venuta qui, sbrigare le solite faccende etc etc) ma nei momenti vuoti la sensazione di e inutilità del mio fare quotidiano mi assaliva. E, cosa strana, mi sembrava di avere sempre così poco tempo quando invece ora mi accorgo che di tempo ne avevo a sufficienza per far tutto. Così, dopo essere rimasta a letto per tre giorni di fila fino alle dieci e mezzo guardando “” ho deciso che vegetare sotto le coperte non avrebbe spazzato via l’apatia depressa e ho deciso di uscire, godermi la mia stagione preferita, l’

La cosa bella di vivere in un paesino è che sei praticamente immerso nella natura e per le strade non c’è casino, così ho deciso di portare con me anche , la canina di casa. E ho scattato queste:

2011-10-25 10.57.55

2011-10-25 11.05.10

2011-10-25 11.06.53

2011-10-25 11.09.29

2011-10-25 11.10.57

2011-10-25 11.11.29

Lo so che non sono il massimo, ma capitemi, le ho fatte con una mano sola, col cellulare, mentre un diavoletto della Tasmania tirava il guinzaglio in un modo che tradiva il suo tenero musino peloso.

La passeggiata è servita ad entrambe: lei ha annusato, fatto pipì almeno venti volte, ignorato bellamente altri cani di altri giardini, io ho respirato il vento, ammirato i colori, ritrovato un po’ di volontà di fare. E, soprattutto, non ho pensato a niente. Io non riesco mai a non pensare, quando cammino penso, quando leggo penso, quando sono sotto la doccia penso. Ma questa volta, miracolo, ho lasciato respirare il cervello, probabilmente perché ero troppo impegnata a farmi portare a passeggio da Luna. Non mi ricordo quand’è l’ultima volta che non ho pensato a nulla. Al ritorno ho progettato di uscire tutte le mattine a fare questa passeggiata zen con la mia bretoncina preferita, credo che mi farà bene. Che ci farà bene. Almeno finché il tempo ce lo permetterà. 🙂