Interazioni Opinioni Stati

Il secondo giorno dell’anno

comments 3

Ebbene, sono ancora viva.

Questo è il mio primo post del 2014, e, sebbene sembri che mi sia completamente dimenticata del , non è così.

Avevo cominciato di nuovo a scrivere in preda ad una sorta di nostalgia, ed è proprio per questo che non riesco a smettere di pensare a questo spazio quando me ne separo, seppur per brevi periodi.

Il fatto gli’è che sono lontana da casa ora, e, più precisamente, sono ospite del mio ragazzo. Ergo, tra preparativi e bagordi di , non sono stata molto presente al blog, impegnata com’ero nel godermi queste vacanze invernali. Sto davvero bene qui con lui, anche se non so se lui possa dire altrettanto: ieri sera, a mezzanotte, l’ho costretto a smontare il lavandino per recuperare l’anello che era scivolato nel tubo di scarico (un grande classico) e, il giorno dopo essere arrivata a casa sua, ho spostato con grande perizia i mobili della cucina/salottino, perché convinta che, con la disposizione che avevo in mente, la stanza sarebbe stata più funzionale. In realtà la stanza così è più funzionale, ma mi rendo conto che entrare a casa d’altri e spostare i mobili non è proprio piacevole…

Ad ogni modo, a breve – purtroppo – dovrò tornare a casa, e la cosa mi deprime alquanto. Non voglio pensarci. Vorrei che questa settimana non finisse mai…