I difensori di Cristo

Oltre ad esportare la Gioconda e Cristoforo Colombo, esportiamo anche Fabrizio Dalcerri e , rispettivamente capogruppo e consigliere comunale della nel Comune di Opera (Milano), che recentemente hanno rimesso il proprio mandato al sindaco per la “goliardata” fatta nella Cattedrale di .

Volendo forse emulare (e non riuscendoci) le zingarate di Tognazzi & Co nel celebre film “Amici miei”, i nostri prodi hanno interpretato a modo loro gli insegnamenti di Monsignor Della Casa, ruttando, bestemmiando e rendendosi protagonisti di altre amenità simili.

Di ritorno a casa i due bambini disobbedienti sono sgridati dal sindaco , al quale promettono, sotto il cazziatone, che non lo faranno più. Intenerito da tanto pentimento, il sindaco si ritira in Camera di Consiglio per deliberare, pensando però che la pena dovrà essere misurata: il fatto di rimettere il proprio mandato da parte dei birbantelli è già un’ammissione di responsabilità, pertanto si dovrà valutare bene il da farsi, per non infliggere ulteriori umiliazioni ai prodighi figliuoli.

Personalmente, trovo che minimizzare così un fatto grave come questo non sia il massimo della correttezza. Non solo eravamo in terra straniera, dunque abbiamo fatto una figuraccia davanti agli “ospiti”, ma la figuraccia l’abbiamo fatta in una non nostra, offendendo gli ospiti di cui sopra e calpestando nello stesso momento la religione della maggioranza degli italiani, e quindi gli italiani stessi. E, cosa ben più grave, l’hanno fatta dei personaggi inseriti nella , non dei turisti in vacanza.

Aldilà del credo personale di ognuno, a cui può non offendere una oppure no, quello che in primo luogo dovrebbe esserci è il rispetto reciproco. Non si può andare in una Chiesa a bestemmiare, perché sarebbe come parlare di fare le vacanze al mare in casa di uno che al mare c’è morto affogato.

Ma d’altra parte non riusciamo a comportarci bene qui in Italia, figuriamoci se ci riusciamo nel resto del mondo.

Ah, un’ultima domanda mi sorge spontanea. E se l’avesse fatto qualche straniero nel Duomo di Milano? Sarebbero bastate lacrime di pentimento e un “ci dispiace, non lo faremo mai più?”

Pubblicato da Diario

Vivo in mondo fatto di libri e computer. Bloggo dal lontano giugno 2007.

Follow

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: