Cosa aspettarsi quando si aspetta

Ovvero: le gioie e i dolori di una mamma in attesa.

La .

Quel meraviglioso gomitolo vivente che può in un attimo consolarti o irritarti. Che può darti gioie ma anche frustrazioni. E che deve sempre dire la sua, senza curarsi minimamente di quanto possa essere fuori luogo, urticante, calamità del suo stesso genere.

Uno dei periodi della vita di una donna in cui la Gente dà il meglio di sé è proprio la . Di un’altra persona, ovvio. Vuoi perché è un argomento popolare, vuoi perché le donne partoriscono da milioni di anni, vuoi perché volente o nolente un qualcosa a che fare con la l’hanno avuto tutti, la Gente si ritroverà a volerti dare per forza consigli non richiesti, pacche sulle spalle non gradite, intromissioni nella tua sfera emotiva e anche personale. Ed anche (e soprattutto) previsioni catastrofiche, profezie Maya, ansie.

Procedo così, in ordine sparso, e per punti, delle frasi che più di ogni altre mi hanno accompagnato (e che mi accompagneranno ancora) durante questo magico periodo della vita.

E ricordatevi che io aspetto due gemelli, dunque vi sono variazioni di Gente sul tema che – ahimè – non sono proprio quelle di Goldberg.

E che cominciano tutte così: se posso darti un consiglio…

  1. “Dormi ora, perché poi non lo farai più”. Se solo mi avessero dato un euro per tutte le volte che qualcuno ha pronunciato questa frase, a quest’ora sarei più ricca di Bill Gates. Io non dormo da quando è cominciata la gravidanza, quindi, diciamo, ci sono abituata a non dormire più. Il “consiglio” di dormire ogni volta mi irrita proprio come irriterebbe un insonne cronico.
  2. “Fatti/Fatevi aiutare.” Sì, lo so che non posso fare tutto da sola, ma vorrei avere almeno la facoltà di scegliere in che misura e quantità farmi aiutare. Non c’è bisogno che me lo dica tu, Gente. Credi che io sia una povera sprovveduta che vede tutto rose e fiori?
  3. “Due gemelli? Oddio, allora farai sicuramente il cesareo.” No. Non è vero. Come per tutti i nascituri, bisogna vedere in quale posizione sono.
  4. “Due gemelli? Oddio, allora a maggior ragione fatti aiutare eh. E come farai?” Vedi punto sopra.
  5. “Due gemelli? Oddio, io sarei già scappato col primo aereo per l’America del Sud” questo rivolto a Marito con grasse risate e occhiatine verso la sottoscritta.
  6. “Preparati. Ti rimarrà la pancia, i capillari in evidenza e ti verranno le macchie sul viso. E ti rimarrà il seno grosso. E non ritornerai mai più quella di prima. Scordati i tuoi pantaloni vecchi, perché non ci rientrerai più”. Qualcos’altro?
  7. Gente che vuole toccarti la pancia senza il tuo permesso: fortunatamente ne ho incontrata assai poca, e tutta che ha sfiorato e via, senza soffermarsi troppo. Quindi non mi ha dato particolarmente fastidio. Solo una mia amica, recentemente, ha sfregato così a lungo che stavo per dirle: “Guarda che non esce il genio eh” tuttavia è servito ritirarsi graziosamente perché lo capisse da sola.
  8. “Immagino che tua madre si trasferirà a casa tua per aiutarti” Anche no. Mia madre verrà sicuramente, ma certo non si trasferirà a casa mia. Mia madre è la nonna, non la mamma dei bambini, e mia madre ha una vita sua ed una casa sua, non vive in funzione di me e della mia prole. Io non lo voglio, lei non lo vuole.
  9. “Oddio, io non me la sentivo, ho avuto una crisi dopo. Mi sentivo inadeguata. E tu avrai due gemelli! Tu non hai questa sensazione? Non ci pensi mai? Come fai a non pensarci?” No. Penso a come farò, ma penso anche che è inutile pensarci ora che i bambini non ci sono. Non so come saranno. Ci sono bambini che dormono tutta la notte, bambini che piangono, gemelli di cui uno piange e uno veglia. Non posso saperlo adesso, e non posso sapere come reagirò. L’unica cosa che so è che dovrò accudirli, dunque in qualche modo dovrò fare. Non posso perdere tempo a farmi le congetture quando ho un piccino urlante ed affamato sotto il naso (nel mio caso, due), devo muovermi ed anche in fretta. Come lo farò lo vedrò, non credo sia un grosso problema se non lo farò al 100%.
  10. “Oddio, due gemelli! Sarà complicatissimo. Vedrai. Durante la notte quando uno piange sveglia l’altro, quindi poi dovrai accudire due bambini. Oddio non voglio neanche pensarci. Fatti aiutare eh.” Vedi sopra, in maniera più stizzita.
  11. “Armati di pazienza.” Perché, non lo sto già facendo?
  12. “Ah, e… un’ultima cosa. Scordati di fare vita coniugale. Sarete come fratello e sorella.” Questa fortunatamente non me l’hanno mai detta di persona, ma ho avuto amiche incinta a cui è capitato. Gesù.
  13. “Spero per te che ti venga il latte” Ed io che tu capisca quando è il momento di tacere.
  14. “Sie meglio, riesci a distinguerli. E come fai? Non è possibile.” Sono due gemelli diversi, in due placente diverse. Riesco eccome a distinguerli. Riesco anche a capire se uno è sveglio e l’altro dorme (vedi sopra) poiché, a differenza di quanto si crede (vedi ancora sopra) i gemelli sono due personcine a sé stanti, con due caratteri e due personalità diverse, peculiarità che mostrano fin da ora. Ed anche due ritmi diversi. Dunque è del tutto plausibile che uno dorma mentre l’altro è sveglio.

In continuo aggiornamento…

Pubblicato da Diario

Vivo in mondo fatto di libri e computer. Bloggo dal lontano giugno 2007.

Follow

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: