All posts filed under: Interazioni

Me e gli altri.

Io e il mio blog

Distrazioni più o meno mondane / Essere me / Interazioni / Opinioni / Paturnie / Pour parler / Stati

  Il commento che stavo scrivendo al post di Eva la Cercatrice, del blog Schegge di Vita, è diventato così lungo che ha finito per essere un post a sua volta, così ho pensato di pubblicarlo qui sul blog. Eva riflette su cosa sia diventata la Rete, e su come quindici anni fa le cose fossero diverse nel magico mondo dell’Internet. Riflette su come sia cambiata la percezione dei post, il significato di pubblicare online. Tags: […]

Internet è un incredibile mental coaching.

Abitanti della blogosfera / Bestiario / Computer / Distrazioni più o meno mondane / Essere me / Interazioni / Opinioni / Pour parler / Stati
https://www.npr.org/sections/ed/2017/06/10/531885001/this-week-in-education-devos-discrimination-desegregation

Primo post dell’anno nuovo. Leggo spesso su internet varie opinioni, dissonanti e dissacranti l’una dell’altra. Osservo attentamente come possano nascere e svolgersi incredibili battaglie sul più disparato argomento possa esserci sulla Terra, e di come chi sostenga la propria opinione chiami sempre a supporto della stessa la propria autorità in materia: “Io sono…” “Io ho fatto…” “Io ho detto…”  Io non intervengo mai in queste discussioni. Mi limito a leggere con un atteggiamento piuttosto distaccato […]

Misteri irrisolti

Bestiario / Computer / Distrazioni più o meno mondane / Essere me / Il mondo fuori dal letto è cattivo. / Interazioni / Opinioni / Pour parler

Per la rubrica “Misteri irrisolti”, da un’idea di Daniele Bossari & Roberto Giacobbo: perché la gente si ostina a dire che esistono due stagioni, l’inverno e l’estate? E perché dicono che adesso siamo in inverno, nonostante i 20° perenni smentiscano clamorosamente questa affermazione? MISTERI IRRISOLTI Tags: Daniele Bossari, domande che hanno una risposta sottintesa, domande senza risposta, gente, gente stupida, Mistero, quesiti, questo triste mondo malato, Roberto Giacobbo, superficialità