A proposito di un mandarino

Il mandarino è ruvido al tatto, e liscio all’olfatto. La sua buccia porosa fa immaginare le mani callose che lo hanno colto, e quelle guantate che lo hanno maneggiato. Comincio a sbucciarlo; e subito un intenso profumo, fresco e buono, mi colpisce il naso. Lo apro a metà: il profumo è ancora più forte, si insinua in alto, e, procedendo, si svolge, si dipana, si allunga; come un gomitolo di lana: ecco che arriva l’acidulo, il dolciastro, il caramelloso. Un ricordo si fa strada: io bambina che afferro una caramella all’arancia prima di andare a scuola. E’ inverno, fa freddo sono nella mia vecchia casa e vado ancora alle elementari. Saluto la coppia di canarini che cinguettano nella loro gabbietta, sulla cima della credenza, pensando che non devono andare a scuola, e che vorrei stare con loro.

4 Commenti

  1. L’immagine del profumo che si allunga e si dipana come un gomitolo mi è piaciuta un casino 🙂 Bello questo esercizio!!

  2. Wow! Sono quelle cose che io non potrei fare: scrivere per un tot. sapendo che devo sbrigarmi… che ansia! Bello il tuo testo, intenso e suggestivo… 🙂

    • Grazie. 🙂 In realtà nemmeno io riesco a scrivere sapendo che ho i minuti contati ma questa volta ce l’ho fatta anche in meno di otto minuti; non sapevo più cosa scrivere riguardo il profumo del mandarino così ho finito il post a cinque! 😛

I commenti sono chiusi.