Distrazioni più o meno mondane Essere me Figlie di Eva

La Palisse, fai il favore, scansati.

comments 3

Il 20 maggio pensavo: “Ah, tra due mesi a quest’ora dovrei essere un bel pezzo avanti, se tutto va bene. Dovrei aver tolto di mezzo gli più difficili e grossi. Se tutto va bene“.

Ora.

Confrontando la stessa di due mesi fa che, china sui libri con lo sguardo perso nel vuoto e stufa di studiare si concede una fantasia di libertà con questa che fa finta di suonare la chitarra mentre canta “Pegasus Fantasy” a tutta randa, un pensiero mi sorge spontaneo:

non tornerei indietro nel tempo di due mesi neanche se mi pagassero.

Ma è inutile dirlo, vero?