Distrazioni più o meno mondane Essere me Figlie di Eva

La Palisse, fai il favore, scansati.

comments 3

Il 20 maggio pensavo: “Ah, tra due mesi a quest’ora dovrei essere un bel pezzo avanti, se tutto va bene. Dovrei aver tolto di mezzo gli più difficili e grossi. Se tutto va bene“.

Ora.

Confrontando la stessa di due mesi fa che, china sui libri con lo sguardo perso nel vuoto e stufa di studiare si concede una fantasia di libertà con questa che fa finta di suonare la chitarra mentre canta “Pegasus Fantasy” a tutta randa, un pensiero mi sorge spontaneo:

non tornerei indietro nel tempo di due mesi neanche se mi pagassero.

Ma è inutile dirlo, vero?

3 Comments

  1. se non altro, il fatto che sta esistenza sia un percorso monodirezionale porta con sé anche delle conseguenze positive, tipo il fatto che si ha la certezza di nin poter tornare indietro e rivivere le esperienze negative del passato (neanche quelle positive se è per quello, ma vabbé, vediamola in modo positivo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.